RESORT “MARCO POLO”

Concorso di idee per la realizzazione di un centro benessere annesso alle attrezzature sportive esistenti nel Marco Polo Sporting Center
Vittorio Veneto -TV- 2007

Il nuovo complesso è pensato come una sorta di città dello sport, dove attività e servizi sono integrati in un sistema di strade pedonali, piazzette e spazi di sosta immersi nel verde: un organismo idealmente unico, dove tutti gli edifici e le strutture sono porzioni di uno stesso insieme. La struttura assume una forma che ricorda un serpentone, che inizia con la pensilina del campo da calcetto e termina con la palestra di roccia che, con la sua parete alta più di nove metri, si pone come faro attrattivo a caratterizzare l’intera area. Gli edifici vengono integrati da una fitta serie di camminamenti che, sviluppandosi sulle stesse direttrici che disegnano gli edifici stessi, assolvono al compito di unire, intersecare e tagliare la struttura spezzandola in porzioni di costruzione atte a ricevere tutte le funzioni richieste. Diventano essi stessi funzioni: la piazza centrale, il solarium della piscina e tutte le aree annesse agli edifici con i quali entrano in simbiosi e ai quali fanno da palcoscenico. Le aree verdi che si sono determinate dall’intersezione delle linee degli edifici e dei percorsi sono state utilizzate sia per la loro funzione intrinseca, prato su cui giocare, prendere sole etc…, sia come valore scenico. La flora è infatti pensata come appendice dell’edificio: le piantumazioni seguono le linee direttrici degli edifici e dei percorsi, creando in alcuni casi cannocchiali visivi, diventando in altri casi vere e proprie tettoie verdi per ripararsi dal sole o dalla pioggia mentre si assiste alla partita di calcio. L’accoglienza dei visitatori è posta nella sezione centrale della struttura con allo scopo di amalgamare il nuovo complesso con le attività circostanti.

 

immagine totale
Altri progettisti: Arch. Degiovanni Maurizio